mercoledì 22 ottobre 2014

Recensione #60: Mai per amore (Fall Away #1) di Penelope Douglas




Mai per amore (Fall Away #1) di 
Penelope Douglas
Titolo originale: Bully
Pagine: 346
Pubblicazione: 18 Febbraio 2014
Pubblicazione italiana: 28 Agosto 2014
Editore: Newton Compton
Prezzo cartaceo: 8.99 €
Prezzo e-book: 4.99 €
Trama: Un tempo Jared e Tate erano grandi amici: sono cresciuti insieme, si sono arrampicati insieme sugli alberi, si sono aiutati a vicenda nei momenti difficili. Ora invece Jared è cambiato. Il bambino dolce di una volta si è trasformato in un ragazzo difficile e astioso, sempre pronto a offendere e deridere Tate di fronte a tutta la classe. A scuola le ha reso la vita un inferno, e Tate non sa più come difendersi. A volte invece è incredibilmente dolce con lei, e sembra volerla proteggere... Tate vorrebbe odiarlo eppure non ci riesce: sente che il suo vecchio amico è disperato e vorrebbe scoprire il motivo della sua rabbia: raggiungere il suo cuore e carpire il segreto che nasconde in fondo all'anima...




Il libro inizia un anno prima. In una serata estiva, l’ultima, prima dell’inizio della scuola. L’ultima per Tate Brandt, un’adolescente che passerà il penultimo anno in Francia.
Ci troviamo alla solita festa del venerdì sera, minorenni ubriachi e felici. Fra tutti questi ragazzi ci sono Tate e Jason. Chi sono? I nostri due protagonisti, che sin da bambini fino dodici anni si sono giurati amicizia fino alla morte. Allora cos’è successo, dai dodici anni fino ai diciassette? Che Jason è diventato un vero e proprio bullo. Ha fatto passare a Tate (oltre la sua ex migliore amica, anche la sua vicina di casa) anni terribili. Dagli scherzi più idioti, come far girare la voce dell’herpes genitale, a quelli più duri. Ma per Tate tutto questo sta per finire. Finalmente passerà un anno lontano da tutto quello, e soprattutto da Jason. Inutile dirvi che Tate tornerà un anno dopo, ma le cose saranno cambiate veramente?
La risposta è. Che significa nì? Significa che Jason ora non solo non le da fastidio, ma non la calcola minimamente. Niente scherzi, niente di niente.
Ma Tate non è più la ragazzina succube di un anno prima. Ora si permette di rispondere a Jason, e a rompergli un po’ le scatole. E tutto inizia mentre Jason da una festa nella sua casa, e Tate va da lui per il troppo chiasso. Qui inizia Mai per amore.
Ora, avete presente la copertina italiana del libro? Ecco, io odio a morte queste copertine. La stessa identica ragazza per duecento YA diversi. E’ odiosa, e per questo a volte giudico il libro dalla copertina. Meno male che non l’ho fatto per questo. Perché Mai per amore non è una storia di alto livello, ma uno di quei libri che leggi con leggerezza. La storia di due ragazzi giovani, che combattono con i loro mostri e l’amore che non hanno il coraggio di rivelare.
Quindi, se vi aspettate chissà cosa, non ve lo consiglio. Ma se avete voglia di una storia semplice e senza troppe pretese, per passare due ore, fa per voi.

5 commenti:

  1. ciao Tatihyana!
    ho letto il libro e vb non parliamo della copertina ... hai pienamente ragione.... a me sul momento non mi aveva fatto proprio impazzire ma con il tempo mi è rimasto sempre più a mente ed alcune scene sono veramente bellissime....

    RispondiElimina
  2. Concordo sulle ragazza della cover, cavolo un pò di originalità no, eh u.u
    Comunque lo leggerò, anche se il genere non è il mio solito, sono curiosa di conoscere questa serie ^^

    RispondiElimina
  3. Vorrei leggerlo, però ho paura di essere davanti all'ennesima delusione ç_ç

    RispondiElimina