lunedì 15 settembre 2014

Recensione #51: Boy meets boy di David Levithan




Boy meets boy di
David Levithan 
Pagine: 262
Pubblicazione: 10 Maggio 2005
Pubblicazione italiana: 20 Giugno 2007
Editore: Fabbri
Prezzo cartaceo: 14.99 €
Prezzo e-book: 4.99 €
Trama: Quando Paul incontra Noah, la prima cosa che pensa è: "Eccolo, finalmente." E lo stesso capita a Noah. Ma voler stare bene con una persona, purtroppo, spesso non basta, e Paul, travolto dalla centrifuga emotiva di amici ed ex fidanzati, finisce per commettere il più classico degli errori. E scoprirà che per ricucire gli strappi ci vuole molto coraggio.





Sto per leggere Will ti presento Will, e dato che è scritto a quattro mani (Levithan-Green), mi sono decisa a leggere qualcosa di David Levithan, prima.
Il libro che ho scelto è Boy meets boy.
Tratta di un argomento ancora difficile da digerire per alcune persone, in una facilità impressionante.
Paul ha sedici anni, gay dichiarato. Lo sa da sempre, cioè da quando la sua maestra d’asilo nella sua scheda scrisse che Paul era gay. Anche i loro genitori e suo fratello lo sanno da una vita, e non è mai stato un problema.
Per Paul la vita è una passeggiata, semplicissima.

“Sono stato il primo capoclasse gay dichiarato della mia scuola. Ho visto uomini che camminavano per strada mano nella mano, in una grande città. Ho letto di donne che sposano donne, in un Paese non lontanissimo. Ho trovato un ragazzo che potrei amare, e non sono scappato via. Credo di poter essere chiunque io voglia essere. Tutte queste cose mi danno forza.”

Come un normalissimo ragazzo ha le sue amicizie, ed ha avuto i suoi fidanzati. Storie non finite benissimo, ma Paul si è sempre ripreso, anche grazie all’aiuto di Joni e Tony.
Tony vive in una famiglia dove la religione è tutto, e per i suoi è stato difficilissimo accettare la sua omosessualità.
Joni invece è una ragazza estroversa, che dai tempi dell’asilo fa tira e molla con Ted.
Il libro è ricco di personaggi, ed è quasi impossibile capire che il protagonista sia Paul. E’ un intreccio di storie, a partire dalle paturnie sentimentali di Joni, alla vita difficile di Tony, fino ad arrivare al pazzo Ted, per poi ricominciare con il calmo Noah.

“Abbiamo tutto il tempo del mondo, perché, per una volta, il mondo sembra concederci tutto il tempo che ci serve.”

La storia fra Noah e Paul va a gonfie vele, si conosco all’inizio dell’anno, passano momenti bellissimi ed altri meno belli, ma alla fine si ritrovano sempre insieme.
Una parola per definire questo libro? Ricco. Forse, fin troppo. Dalla vita di Noah, il suo trasferimento, passando di nuovo ai suoi amici per poi tornare da Paul.
Non sono riuscita a capire per bene il protagonista, e questa cosa mi ha infastidita un bel po’.
Mi aspettavo tanto, forse troppo da questo libro. Ma niente.
Leggerò lo stesso Will ti presento Will, ma le mie aspettative si sono di gran lunga abbassate. Tre stelline soltanto per Tony, uno dei miei personaggi preferiti!

“Schizziamo a matita le nostre vite precedenti, così da mettere in risalto il technicolor del nostro presente.”

9 commenti:

  1. Non ho mai letto nulla di Levithan, anche se sono curiosa di leggere Will ti presento Will...Anyway questo non mi incuriosisce più di tanto, forse perchè alla fine non ho capito di cosa parla, d'oh >-<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è un libro troppo semplice, ma non mi ha fatto impazzire più di tanto :/

      Elimina
  2. Ciao, bella recensione, davvero!! Nemmeno io ho letto nulla di Levithan, ma ho inenzione di rimediare ^^
    a proposito, ti ho taggata qui http://thegalwholivesofbooks.blogspot.it/2014/09/book-tag-10-questions-about-summer.html
    buona serata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Se proprio vuoi leggere qualcosa di Levithan, ti consiglio di iniziare con un altro libro, e non con questo. Ora passo a vedere, grazie mille :)

      Elimina
  3. Non ho mai letto nulla di questo scrittore, ma la storia di questo romanzo pare interessante... forse l'autore non è riuscito a gestire i troppi personaggi inseriti nella vicenda, anche quella è un'arte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo caos. Ho letto molti libri con tanti personaggi, e mi sono piaciuti da morire. Purtroppo, qui ho trovato solo caos.

      Elimina
  4. Di David Levithan io ho letto Ogni giorno e quello che mi ha colpito è il suo stile, mi piacerebbe leggere Will ti presento Will.... mi piace che gli autori affrontino sempre temi e punti di vista delicati e nuovi !!
    non penso che leggerò questo libro ma di sicuro Will ti presento Will!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io dovrei iniziare Will ti presento Will la prossima settimana, ma purtroppo non ho aspettative così alte :/

      Elimina
  5. Boy meets boy sarà una delle mie prossime letture e ora sono un pochino preoccupata. Dopo aver letto Ogni giorno, mi è stato consigliato proprio questo romanzo. Cercherò di ridimensionare le mie aspettative: Ogni giorno mi aveva lasciato una buona impressione...

    RispondiElimina