mercoledì 5 febbraio 2014

Recensione #9: Requiem (Delirium #3) di Lauren Oliver


Buonasera! Com'è andata la giornata? Diciamo che qui tutto bene... è iniziata alla grande ed è finita con un notizia shockante... Per il resto, si sopravvive!
Come ben saprete, la scuola continua sempre ad uccidermi lentamente! Infatti, vi lascio alla recensione e torno immediatamente sui libri! 


Requiem di
Lauren Oliver
Pagine: 336
Pubblicazione: 5 Marzo 2013
Pubblicazione Italiana: 14 Gennaio 2014
Editore: Piemme Freeway
Prezzo cartaceo: 16.00 €
Prezzo ebook: 6.99 €
Trama: Mi chiamo Lena e sono infetta, perché mi sono innamorata di Alex in un mondo in cui l'amore è considerato una malattia, e come una malattia viene curato. lo e Alex siamo scappati, ma poi ci hanno separati. Io sono andata avanti, ho incontrato Raven e gli altri ragazzi della Resistenza. Ho imparato a combattere per quello in cui credo, a lottare per essere davvero me stessa. E ho incontrato Julian che è il ragazzo più dolce del mondo e mi vuole con sé. Poi però Alex è tornato, quando pensavo di averlo dimenticato, quando mi ero convinta di riuscire a fare a meno di lui. E ora, mentre il mondo attorno a noi cade a pezzi, io sto male, e penso che forse avevano ragione loro: l'amore è davvero una malattia!



Ho iniziato Requiem con aspettative altissime. Questo, perché mi aspettavo un finale con i botti. Aspettavo il triangolo amoroso Alex/Lena/Julian, e non vedevo l'ora di leggere cosa la Oliver avesse deciso di fare. Perché, cavolo, considero la Oliver un fottuto genio. 

Cosa succede? In Chaos lasciamo Lena sotto shock, dopo aver scoperto che Alex era ancora vivo. Sì, perché Alex è vivo. Ha passato un brutto periodo nelle Cripte, ma è riuscito ad uscirne. 
In Requiem troviamo Alex e Lena che non si rivolgono una parola. Nemmeno una. Soltanto in casi di estrema necessità. E Julian che fa la parte del fidanzatino perfetto. Ci sono new entries, e ci sarà qualcuno che ci lascerà. E vi farà versare un mare di lacrime. 

Purtroppo la storia non è molto sviluppata. Ho come il presentimento che la Oliver si fosse un po' stancata, e quindi ha deciso di troncare il tutto molto frettolosamente. Un giorno Alex e Lena non si parlano, e quasi il giorno dopo lui le lascia quel bigliettino. 
Volevo leggere qualcosa di spettacolare. Qualcosa degno o superiore degli altri due libri della saga, ma purtroppo non è stato così. 

Inutile dirvi che l'ho amato lo stesso. Magari di meno degli altri, ma è un bel libro. Questa saga porta via con sé un pezzo del mio cuore. Soprattutto, le ultime parole scritte da Lauren Oliver. Quelle che mi hanno fatta iniziare a piangere come una bambina. Pura poesia. Non potevo non continuare a dare quelle meritatissime quattro stelline! 

Tanti applausi. Tantissimi. Una saga magnifica. 



Nessun commento:

Posta un commento