martedì 15 maggio 2018

Recensione #99: Cinder (Cronache Lunari #1) di Marissa Meyer




Cinder (Cronache Lunari #1) di 
Marissa Meyer 
Pubblicazione: 5 Gennaio 2012
Pubblicazione italiana: 12 Marzo 2012
Prezzo cartaceo: 14.99 €
Prezzo e-book: 4.99 €
Trama: Cinder è abituata alle occhiate sprezzanti che la sua matrigna e la gente riservano ai cyborg come lei, e non importa quanto sia brava come meccanico al mercato settimanale di Nuova Pechino o quanto cerchi di adeguarsi alle regole. Proprio per questo lo sguardo attento del Principe Kai, il primo sguardo gentile e senza accuse, la getta nello sconcerto. Può un cyborg innamorarsi di un principe? E se Kai sapesse cosa Cinder è veramente, le dedicherebbe ancora tante attenzioni? Il destino dei due si intreccerà fin troppo presto con i piani della splendida e malvagia Regina della Luna, in una corsa per salvare il mondo dall'orribile epidemia che lo devasta. Cinder, Cenerentola del futuro, sarà combattuta tra il desiderio per una storia impossibile e la necessità di conquistare una vita migliore. Fino a un'inevitabile quanto dolorosa resa dei conti con il proprio oscuro passato.



Ci troviamo a Nuova Pechino, precisamente in Asia. In futuro lontano, lontanissimo, l’Asia fa parte del Commonwealth Orientale, governata dall’imperatore Rikan.
Il Commonwealth Orientale e gli altri paesi riorganizzati sono in alleanza con la Luna, un Pianeta colonizzato ed abitato dai Lunari. Questi ultimi sono di una bellezza eterea, e sanno manipolare la bioelettricità. Che significa? Che riescono a far fare alle persone intorno a loro quello che vogliono, ma questo potere non può essere esercitato in un modo plateale con i Lunari.
La Regina Levana è a capo dei Lunari, la cosiddetta “Regina della Luna”.
In Asia invece, le persone continuano a morire di “Febbre Blu”, la cosiddetta Peste per noi. Gli umani non riescono a curare la Febbre Blu, in nessun modo. Ci provano, ma niente. Ed è così che anche l’Imperatore Rikan muore di Febbre Blu, lasciando il trono a suo figlio: l’Imperatore Kai.
La terra oltre ad essere abitata da umani, è abitata da cyborg. Una di questi è Lihn Cinder, una povera ragazza di sedici anni che non ricorda molto della sua vita passata, ed ora vive con la sua perfida matrigna, e le sue due sorellastre.
Vi ricorda forse Cenerentola? Ebbene, sì.
E’ proprio da lì che Marissa Meyer prende ispirazione, per dare il via alla sua saga. Cinder, è il primo di quattro volumi.
Lihn Cinder conosce per caso il Principe Kai, quando suo padre era ancora in vita. Non
capisce che è un cyborg, e prova una certa attrazione per lei. Attrazione che lo porta ad invitarla ad un ballo che si terrà a palazzo, perché deve trovare al più presto una moglie. Cinder inizialmente accetta, ma più o meno tutti sapete come va a finire Cenerentola… dopo varie peripezie, riuscirà ad andare al ballo e – soprattutto – dire al suo Principe la verità? Che lei non è un’umana, ma un cyborg. Che lei è immune ai poteri della Regina Levana, recatasi a Nuova Pechino proprio per il ballo, per proporre al Principe neo eletto Imperatore Kai di sposarla, e creare così un’alleanza. Perché Levana è subdola, e chiede un vero e proprio scambio: tu mi sposi, io ti do la cura per la Febbre Blu. Sì, perché i Lunari sono gli unici immuni alla Febbre Blu, e si da al caso che anche Lihn Cinder sia immune alla Febbre Blu.
Cinder è un libro uscito anni fa, ed ho letto recensioni da ogni dove. Purtroppo non mi ero mai convinta a leggerlo. Non mi ispirava molto la storia di Cenerentola rivisitata a Cenerentola-Cyborg, ma nella vita si sbaglia, no? Io avevo sbagliato.
Ho letto Cinder in due giorni, forse un po’ di meno. Mi è piaciuto, e anche tanto. Nessuna pretesa, eppure una storia che ti tiene incollata alle pagine fino all’ultima parola.
Molti di voi l’avranno già letto, ma se ancora non l’avete fatto: fatelo.
Io, non vedo l’ora di continuare con Scarlet!
Se l’avete letto, che ne pensate? Aspetto le vostre opinioni!

Nessun commento:

Posta un commento